Sin dal lancio ufficiale della tecnologia LES, il nostro team ha condotto molti studi su come ridurre “l’inquinamento luminoso” grazie all’utilizzo dell’illuminazione ambientale non invasiva.

Illuminazione diffusa

Oggi siamo entusiasti di condividere la notizia della pubblicazione della nostra ricerca, sulla rivista SG Green.

Con l’accelerazione dei cambiamenti climatici, la progettazione, la costruzione e il funzionamento di edifici sostenibili stanno suscitando maggiore attenzione. Il decimo numero della rivista SG Green presenta varie soluzioni di bioedilizia, nel viaggio sostenibile SGBC.

Sin dal lancio ufficiale della tecnologia LES, il nostro team ha cercato metodi e soluzioni che portssero al controllo dell’inquinamento luminoso, grazie all’utilizzo dell’illuminazione ambientale non invasiva.

La “scomparsa” del cielo notturno ha un impatto negativo sui rapporti umani con il mondo naturale. Inoltre, l’uso eccessivo dell’illuminazione artificiale influisce sulla salute umana e sugli ecosistemi.

Oggi l’inquinamento luminoso è uno dei problemi globali più trascurati. Tuttavia, è anche vero che non è dannoso come una fuoriuscita di prodotti dell’industria chimica; è essenziale comunque riesaminare le pratiche di illuminazione, senza alcuna perdita per nessuno.

Ridurre o eliminare dove possibile l’effetto abbagliante dell’illuminazione standard e il calore da quest’ultime prodotto: la nostra missione è riscoprire il cielo notturno con l’illuminazione LES e creare un futuro luminoso a ridotto impatto ambientale.

Insieme ai nostri partner, continueremo la ricerca sull’implementazione di sistemi di illuminazione ecologici.

La versione online della rivista è disponibile qui.

Vogliamo ringraziare ancora una volta il Singapore Green Building Council (SGBC) per aver collaborato con il team LES alla diffusione di più consapevolezza sull’inquinamento luminoso.